venerdì 4 dicembre 2015

Domani

Mentre la dermaosmosi di adrenalina faceva effetto toglievo le cuffie del sonno a rumore bianco pensando, come ogni mattina, a quando mio nonno mi raccontava che suo nonno non aveva mai utilizzato nessuno di questi metodi per dormire. Mi stupisco ogni volta. Nel logaritmo biologico standard giornaliero è previsto che ogni essere umano, della classe due, debba dormire esattamente quattrocento minuti di buon sonno privo di sogni. Non capirò mai come poteva il mio avo garantirsi una efficienza di almeno sette k-iota se non dormiva nel modo giusto. Veloce questo pensiero mi abbandonava mentre il flusso ad ultrasuoni scemava fino a permettermi di appoggiare i piedi sul pavimento.
Oggi è il giorno due della decimana e devo recarmi al centro per la raccolta genetica. Spero di passare le selezioni per la discendenza: non mi dispiacerebbe potere, tra quattrocentocinquanta decimane avere un figlio al quale insegnare aneddoti interessanti come quello che imparai da mio nonno sul mio avo! Passo attraverso l'abbigliatore che mi stampa addosso la tenuta gialla dedicata al giorno due. Oggi. Esco sulla camminovia e mi reco all'aviomatic che, recependo in wifi la mia pianificazione giornaliera, mi accompagna immediatamente al centro genetico; alla reception la hostess digitale mi indirizza subito alla multistanza di raccolta. il mio letto di emissione è il quarto della dodicesima fila: moltissimi altri umani si alternano per il deposito. Il mio stesso letto è stato appena liberato da un altro maschio. Mentre la cannula di prelievo automatico mi raggiunge le gonadi dopo la veloce anestesia a nebbia chimica, mi ritrovo a pensare all'arcaica e animalesca pratica fisica per crearsi una discendenza che avevo imparato a scuola. Decisamente ridicolo consumare tante calorie per una operazione tanto semplice. Se le risorse del pianeta fossero state illimitate probabilmente tale pratica sarebbe arrivata ai giorni nostri però, a dire il vero, non so quanto avrei apprezzato il contatto fisico con una fattrice. Veloce il pensiero mi abbandona mentre la cannula si ritira e posso tornare al centro operativo per le attività. Oggi è prevista la presentazione del nuovo sistema di alimentazione a contatto palmare. Finalmente! mi ero proprio stufato di inalazioni quotidiane.
Posta un commento