giovedì 27 ottobre 2016

Il Narratore

L'uomo camminava assorto solcando le prime ombre della sera con passo costante, meditabondo.
«ma che cazzo ne vuoi sapere tu?»
pensieri violenti gli sfuggivano tra i denti in un impeto incontenibile.
«no, non hai capito! sto parlando con te!»
il delirio nella sera continuava mentre il buio ingoiava le vie del centro.
«hey, ma ci sei o ci fai? narratore dei miei stivali!»
...?
«proprio tu, coglione! ma cosa ne sai di cosa ho in testa io? "camminava meditabondo" ma da dove ti vengono 'ste minchiate?»
ma, stai parlando con me?
«finalmente l'hai capita! cosa credi che io stia qui a farti da marionetta per farti fare bella figura con i lettori? se proprio lo vuoi sapere quali sono i miei pensieri mentre "solco le ombre della sera", te lo dico subito: sono incazzato come una bestia perché mi tocca uscire dopo essermi già piazzato davanti al televisore a causa delle batterie del telecomando! avevo a casa solo le stilo e, ovviamente, nel mio telecomando ci vanno le mini-stilo! altro che "pensieri violenti del buio che ingoia! ma come ti vengono?!»
hemm, per me questa è una novità: non sapevo che i personaggi di cui narriamo nei libri potessero sentirci.
«certo che possiamo, e appena girate pagina vi prendiamo per il culo di brutto! hahaha. Tra l'altro come è questo fatto che io per parlare devo mettermi tra virgolette (come se sparassi solo cazzate) e tu, invece, vai via liscio come l'olio?»
Non saprei dirti, è sempre stato così per quel che ne so!
«cominciano ad essere un po' troppe le cose che non sai! ma voi narratori mica siete onniscienti? cos'é, quando c'era il corso di onniscienza facevi sega a scuola di narratorismo?»
Ma noi, in teoria sappiamo tutto! tu, per esempio, sei un detective privato che, nei sobborghi newyorchesi, affronti i casi irrisolti dalla polizia usando il tuo acume e la tua sagacia.
«Hahaahaha questa si che è bella! sei davvero un coglione! primo non siamo a NewYork ma a Giambellino e io non faccio il detective acuto e sagace ma il commesso alla Coop, reparto formaggi! Hai presente quel pirla che nella pubblicità va ad aprire il supermercato in piena notte e a scegliere i prodotti a prezzi bassi e fissi? ecco, quello è il mio capo! vedi un po' come sto messo!»
Ma, non so cosa dire...d'altronde io devo fare il mio mestiere: al lettore cosa vuoi che importi di un commesso del banco formaggi? è molto più interessante la storia del detective newyorchese!
«senza dubbio! però allora vai a rompere i maroni al detective, io devo andare a prendere le pile per il telecomando! in bocca al lupo per il lavoro, se non trovi il detective e vuoi cambiare posto posso mettere una buona parola: magari il mio capo ha bisogno di uno che lo aiuta a tirare su le tapparelle del negozio!»
humm...grazie, ci penserò!
...
...
e l'uomo si allontanò verso la notte lasciando che il buio ingoiasse anche lui.
Posta un commento