Romanzo: Volo di nascosto

Volo di nascosto è un romanzo. Veloce e avventuroso.
E' l'impresa di un ragazzo di liceo che, in una notte più speciale delle altre dà una svolta alla sua vita e decide di fare qualcosa di veramente fuori di testa.
Avventura, emozioni, coscienza di sè sono il forte cemento che tiene insieme una storia che, man mano cresce, diventa sempre meno folle e sempre più concreta.
Compra subito



un assaggio:

Intorno c’era il nulla e la mia mente era ormai vuota come il mondo che mi circondava. L’aereo fermo accanto a me era il mio unico punto di riferimento, come un canotto in mezzo all’oceano. Mi bastava tenerlo alle mie spalle anche solo un minuto per farmi pervadere da un senso infinito di solitudine; l’immensità del nulla che avevo intorno era scioccante, tanto più che era rafforzata dall’aver visto, anche dall’alto, che oltre l’orizzonte che ora mi limitava la visuale, non c’era comunque altro se non il deserto e poi ancora altro deserto.
Mi preparai qualcosa da mangiare benedicendo ancora una volta il vecchio Dakir mentre attingevo dal canestro i viveri che mi aveva donato. Accesi anche un piccolo fuoco per tenermi compagnia e sul quale feci scaldare un po’ di tajin, utilizzando arbusti e pezzi di legno secco trovati nei dintorni. Il buio scese quasi improvvisamente mentre stavo ancora mangiando. Mi fece uno strano effetto per la velocità con cui passai dal calore rosso del sole al nero della notte, accompagnato, tra l’altro, da una caduta repentina della temperatura. Presi il sacco a pelo dal Cessna e mi accomodai vicino al fuoco. Mi organizzai con lo zaino dei vestiti a farmi da cuscino e, appena vi appoggiai sopra la testa, rimasi quasi soffocato per la quantità di stelle che, silenziose sopra di me, avevano atteso che mi girassi verso di loro per urlarmi in faccia tutto il loro bagliore. Erano infinite. Non avevo alcun modo di capacitarmi per quanto vedevo, per reagire a tanta bellezza. Immobile, con gli occhi sbarrati verso il cielo, non capivo perché fossero così tante; almeno dieci volte tanto quelle che finora avevo visto anche nelle migliori notti di San Lorenzo sdraiato in spiaggia con gli amici. Quando il fuoco si spense del tutto aumentarono ancora e il loro bagliore era tale da illuminare il deserto intorno a me. Mi svegliai all’alba convinto di aver dormito con gli occhi aperti.


Arrivano i primi feedback!!!

Ivan Zonca: "La storia raccontata in questo romanzo mi ha subito coinvolto, fin dalle prime pagine...
Scritto bene, piacevole da leggere...
CONSIGLIATOOOO"

Simona Burgio: "Provate ad andare indietro nel tempo, chiudete gli occhi, pensate a quando eravate adolescenti... SI, è proprio quella l'età, 17 anni, adolescenza! Quante volte avete immaginato di fare una follia? Il protagonista di questa storia è un liceale, alle prese con il lavoro estivo in un piccolo campo di volo. all'inizio, pensa solo al gruzzolo che accumulerà e a come spenderlo sulla riviera romagnola ma, niente è come sembra. Il ragazzo ha un piano, un folle piano. Follia e spensieratezza, che solo un adolescente può mettere in atto proprio perché, a quell'età, non si pensa alle conseguenze; l'adrenalina diventa la protagonista indiscussa e la razionalità va a farsi benedire! Ironia, avventura, consapevolezza, paura, istinto di sopravvivenza, gioia, felicità: sono gli ingredienti di questo romanzo. Un'avventura che tiene il lettore con il fiato sospeso, vivendo un viaggio incredibile, attraverso luoghi affascinanti, descritti magnificamente dall'autore. La scoperta di culture diverse che porteranno il protagonista ad un cambiamento interiore, niente sarà più lo stesso per lui... Un romanzo emozionante, eccitante, commovente, insomma, GRANDIOSO! E' stato fantastico vivere questo "Volo di nascosto". Complimenti Alberto Bianchini."
Direttamente da Amazon.it
GRAZIE INFINITE A Ivan e Simona!


Viviana PerniceEsiste il libro perfetto? Forse si. Ieri sera mi è successa una cosa strana. Ho letto tutto d'un fiato "Volo di nascosto" di Alberto Bianchini e ho avuto la netta sensazione di essere spiata, come se fossi vittima di uno scherzo. È stato come se, qualcuno che mi conosce bene, avesse voluto scrivere qualcosa mettendo insieme tutte le mie passioni. Il mio amore per i viaggi, il mio libro del cuore (il piccolo principe), il mio regista preferito (Ozpetek). Questo è il libro che scriverei io se solo avessi la metà del talento di Alberto. Ho amato la scrittura, semplice ma precisa, la punteggiatura, su cui sono fissata. Ho promesso di essere sincera più possibile ma vi giuro che ho difficoltà a trovare qualcosa che non va. Forse solo un difetto. È troppo breve. Avrei voluto che non arrivasse mai la fine. Eppure quando arriva e' un colpo al cuore. Alberto, sono orgogliosa di te e onorata di esserti amica. Non vedo l'ora di leggerti ancora. Tutti gli scrittori, emergenti o no, dovrebbero prendere esempio da te. Umiltà e arte. Adesso un consiglio da donna...per la tua prima copertina cartonata, scegli la foto con la birra. Sei un figo pazzesco! 😜
Viviana ti adoro!

Fabio Mascia: Feedback del libro Volo di nascosto, di Alberto Bianchini.
La Storia di Giorgio, una ragazzo con una vita caratterizzata dalla voglia di affrontare nuove avventure, esplorare l'ignoto.E' caparbio e non si arrende mai. Compagno della sua vita è un grande senso di colpa, dovuto ad avvenimenti del passato. La vita intanto mette sul suo cammino alcune persone che lo aiuteranno ad entrare in contatto con se stesso, a ritrovarsi. Bella l'ambientazione della storia e bello l'approccio a nuovi mondi e nuove culture. Ogni persona è sempre un dono, una scoperta. Non mancano situazioni familiari cariche di tensione. Mi sono divertito molto in un determinato momento della trama dove il personaggio è riuscito ad uscire alla grande da una situazione particolare. Si avvertono molto le sue emozioni, le sue paure, tutto traspare con chiarezza e semplicità.Per il lettore provare le emozioni del personaggio è sempre stupendo, almeno per come la vedo io. Rimanere solo con se stesso, in mezzo alla natura, fortificherà il carattere di Giorgio. Il finale del racconto aiuta a riflettere e tanto.
Grandissimo Fabio Mascia! Grazie ancora!!!

Gabriele Zonca: 5.0 su 5 stelle
 Ottimo lavoro! 8 settembre 2015
Acquisto verificato
Ottimo libro!
Ho iniziato a leggerlo appena acquistato di mattina e finito di leggerlo prima di sera, mi capita raramente che un libro mi tenga incollato così tanto, ma questo lo ha fatto, non vedevo l'ora di sapere come finiva, lettura piacevole e scorrevole, capitoli corti come piacciono a me!
Onorato del tuo commento, Gabriele!!!

il 13 settembre 2015
Al simbolico costo di un caffè ho potuto acquistare il biglietto per un fantastico viaggio attraverso l'oceano e sempre compreso nel costo dello stesso biglietto, delle lezioni di vita vissuta. Ora certamente saprei pilotare un Cessna grazie alle minuziose istruzioni impartite e riuscire a trovare il coraggio di curarmi una ferita infetta causata da una rudimentale lancia conficcata nella mia gamba.
Scritto veramente bene, non annoia mai e lascia spazio alla curiosità del lettore. Riesce a proiettare nella mente di chi lo legge le magnifiche immagini che questa avventura offre e quelle sensazioni di coraggio miste ad invidia per un impresa che ognuno di noi vorrebbe compiere almeno una volta nella propria vita. L'autore approccia inoltre il difficile tema del rapporto tra due genitori vecchio stampo ed un figlio adolescente alle prese con la consapevolezza più intima del proprio io ...
Il finale mi ha lasciato un attimo perplesso ma dentro di me penso o spero di averne capito il perché.
Non posso che consigliarne la lettura ed augurare ,a chi lo farà , un piacevole buon viaggio ...

VOLO DI NASCOSTO
di Alberto Bianchini
Che bella avventura! Appassiona leggere di cosa è stato capace il protagonista: pilotare un Cessna, far fronte con prontezza d'animo a difficoltà impreviste, non perdere l'obiettivo che si era prefisso. Forse è proprio l'Amore che ha fatto muovere il Cessna... Nessun pregiudizio ha intaccato un sentimento sincero e profondo. E per fortuna! Altro che gioventù di sdraiati: qui ci sono intelligenti sognatori. Storia bella e pulita che consiglio di leggere.

Grazieeeeee Patrizia!!!!!!




Le recensioni di Ornella Nalon: "Volo di nascosto" di Alberto Bianchini

A volte, per rispondere alla regola del conformismo, ci si lascia trascinare dagli eventi con condiscendenza, senza opposizione alcuna. Infatti, fare parte di un gruppo, soprattutto quando si è poveri di solidi riferimenti di base, può ostacolare la formazione di una propria indentità caratteriale, inducendo all’emulazione o allapassiva condivisione.
Un po’, è questo ciò che è successo a Giorgio: allontanato dalla propria famiglia, nella delicata fase dell’adolescenza, si è legato a una compagnia di suoi coetanei dalla quale ha acquisto, e adottato come proprie, delle abitudini non propriamente raccomandabili. Eccede nel bere, fa uso di sostanze stupefacenti e partecipa ad azioni poco consone al senso civico. 
In una di queste, addirittura, una persona ha perso la vita e, seppur il suo coinvolgimento sia indiretto, Giorgio sa che potrebbe essere indagato e che, rimanere nella sua Bergamo, potrebbe diventare rischioso. Ciò nonostante, non è solo questo il motivo che gli farà mettere a punto un piano di fuga; egli sente anche un bisogno irrefrenabile di avventura oltre ad essersi prefissato una meta precisa per raggiungere un obiettivo da tanto agognato. Rubare un piccolo Cessna dal campo volo in cui, per diverso tempo, ha prestato la sua opera, si rivelerà un’impresa abbastanza facile, tuttavia, sa bene che la parte più difficile sarà affrontare il viaggio che ha programmato, disponendo solo delle modeste cognizioni di aviazione che è riuscito ad acquisire.
Inizia il suo “volo di nascosto”; un’avventura che gli riserverà delle prove al limite della resistenza umana, in cui, la necessità di soddisfare le esigenze primarie, gli trasmetterà una nuova scala di valori e la consapevolezza di saperle superare, alimenterà la sua autostima.
Il libro di Alberto Bianchini è di agevole lettura, grazie alla sua scrittura impeccabile, alle sue buoni doti descrittive, che non si limitano alle ambientazioni geografiche, ma anche alla psicologia dell’interprete e alla sua capacità di rendere il racconto coinvolgente.
Le spiegazioni tecniche di volo, non appesantiscono la storia, anzi, la rendono più credibile e fanno immaginare che l’argomento sia ben conosciuto dall’autore, oppure, sia stato oggetto di ricerca, e questo gliene renderebbe ancora più merito.
Ho apprezzato molto la sorpresa, verso il termine, che ha dato un ulteriore significato al titolo e ciò ha compensato la leggera delusione per il finale aperto, che tendenzialmente non amo molto.


5,0 su 5 stelleVoglia di avventura
Da Andrea il 19 gennaio 2016
Formato: Formato KindleAcquisto verificato
Ho letto il libro in un pomeriggio, non riuscivo a smettere di leggere ed è stato un po' un dispiacere finirlo.
Adoro viaggiare e questa storia mi ha fatto venire ancora più voglia di girare il mondo all'avventura, ma non c'è solo questo, molto di più è racchiuso in queste pagine, leggetelo!

Harry Fog a Passione Lettura
hissimo tempo rispetto i miei soliti tempi, la motivazione è da attribuire alla fluidità dello stile impeccabile, curato da una bravissima editor per puntiglio lungimirante dell’autore, che ti obbliga a divorare una pagina dietro l’altra spinti dalla curiosità di sapere quale sia la meta del viaggio...
Già, perché “Volo di nascosto” è la storia di un diciasettenne che, come tutti gli adolescenti, ha in sé la giusta dose di follia che gli fornisce la forza per affrontare un’avventura che gli adulti accantonerebbero al solo pensiero. Giorgio, così si chiama il protagonista, lavora per tirar su qualche soldino per le vacanze presso un piccolo aeroporto privato del bergamasco; si capisce subito che il ragazzo è un tipo particolare, ha un animo sensibile ed è molto intelligente; per certi versi fin troppo maturo per essere un diciassettenne nonostante la cazzata colossale che s’appresta a combinare! Fatto sta che l’acuta osservazione di ciò che lo circonda gli permette di apprendere e lanciarsi nella pazzia più grande della sua vita: una notte ruba un Cessna e spicca il volo (di nascosto).
Verso dove? Ovviamente non ve lo dico per non rovinarvi questo viaggio intenso e coinvolgente. Aggiungo che Alberto Bianchini, come tutti i bravi scrittori, non si limita a raccontarci una semplice avventura ma ci accompagna alla destinazione che non è solamente una coordinata geografica ma una splendida metafora (lo è anche il titolo) che ci spinge a riflettere, ad accettare e ad amare.
Buon Viaggio
H.f.



seguimi su FB
Posta un commento